Archivio Storico cataloga i nuovi cocktail invernali made in Naples

Archivio Storico cataloga i nuovi cocktail invernali made in Naples

Salvatore D’Anna

Esiste un posto a Napoli fuori del tempo, o meglio dove il tempo si è fermato  Il 20 marzo 1861 con la fine del  Regno delle due Sicilie,  uno degli stati italiani più potenti del tempo.

Napoli era una Capitale rispettata in tutta Europa e sono noti i primati raggiunti  nei vari campi: prima flotta mercantile d’Italia e seconda in Europa; prima nave a vapore dell’Europa continentale; primo transatlantico a vapore d’Italia; prima Compagnia di Navigazione del Mediterraneo; primo Codice Marittimo Italiano, solo per citarne alcuni,  nonché furono gettate le basi per il  sistema pensionistico.
Dunque questo luogo è un locale “reale” (nel vero senso della parola) dove la storia, la nostra storia di meridionali, si respira a pieni polmoni. In quale luogo migliore potevano essere presentati i cocktail di Salvatore D’Anna, bar manager della struttura,  ispirati ai sapori, alle tradizioni e alla cultura di Napoli ?
All’Archivio Storico, il rinomato locale di via Scarlatti al Vomero  in un ambiente elegante, con una calda atmosfera, è stata proposta  la nuova drink list, basata sulla rivisitazione di cocktail storici dai nomi che sono tutto un programma: Babà Punch, Crisommola Negroni, Espresso fizz, San Gennaro, Piennolo, tutti in chiave partenopea, il cui filo conduttore è l’energia dei sapori della tradizione, per raccontare a chi li assapora  la storia, la cultura, le tradizioni della Napoli Borbonica e di quella moderna.

Archivio Storico cataloga i nuovi cocktail invernali made in Naples

crisommola negroni

Cinque le sezioni del nuovo menù:

la “classica” contente i cocktail più apprezzati negli scorsi anni (come il “Clover club” ottenuto con Gin, Vermouth dry, succo di limone, sciroppo di lampone e albume);
la sezione “Le bar tour” formata da cocktail le cui ricette sono state ideate da bar tender di diverse nazionalità ed ovviamente adattate al concept dell’Archivio Storico che prevede l’utilizzo di prodotti “home made”(come lo “Smoked Mango Margarita” con Tequila, liquore d’arancia, sciroppo al mango, succo di lime e spezie);
la sezione dedicata alle “degustazioni verticali” ove sono proposti assaggi in sequenza di diverse etichette di rum e whisky; la sezione “Por les bons vivants” dedicata ai cocktail Martini; ed, infine, la sezione denominata “Le ricette dell’Archivio”, contente i drink “new entry”, un omaggio alla napoletanità, ai sapori nostrani (alcuni sono ottenuti con prodotti a km 0) e alla storia del Regno di Napoli.

Archivio Storico cataloga i nuovi cocktail invernali made in Naples

salvatore danna

Eccone alcune ricette:

–        Il “Babà Punch” con Rum Jamaicano, Rum Speziato, Oleo Saccarhum, Pisto mix, succo di limone, the, cannella, arancia;
–        Il “Crisommola Negroni” con Gin,  Aperol, Vermouth dry, liquore all’albicocca, Orange bitter;
–        L’”Espresso fizz” con Rum chiaro, liquore al caffè, zucchero, succo di limone, soda al caffè espresso;
–        Il “San Gennaro” con Scotch Whisky, Islay single malt whisky, Porto Rosso, Cherry brandy, succo d’arancia;
–        Il “Piennolo” con Vodka e Bloody Mary mix mediterraneo.

All’Archivio Sorico si possono accompagnare anche assaggi di piatti e diversi tipi di tagliere specialmente per l’aperitivo domenicale, la classica cena settimanale oppure il dopo cena.
Un posto dicevamo fuori non solo dal mondo ma dal comune, dove il bere consapevole è la regola della casa, un cocktail “rassicurante”  con i profumi e i sapori della nostra terra  sono gli ingredienti giusti per accendere le serate napoletane.
Quindi se il Regno delle due Sicilie  riusciva a coniugare il benessere dello Stato con il benessere dei propri cittadini, l’Archivio Storico riesce a coniugare felicemente le sue proposte con il benessere dei suoi affezionati clienti.

Harry  di  Prisco

 

Print Friendly, PDF & Email
By | 2018-12-01T18:33:08+00:00 ottobre 2018|I luoghi del bere|